Francia e gioco online: Soddisfazione o rammarico?

La Francia fa il bilancio dei suoi cinque anni di gioco online che da un lato lascia soddisfatti e dall’altro invece no, anche dando un’occhiata allo stesso comparto degli altri Paesi membri dell’Ue che hanno ottenuto risultati forse più eclatanti.

In Francia  il gioco online ha fatto il suo debutto in occasione, più o meno, nel 2010 in conseguenza della Coppa del mondo di calcio, si è affacciato in rete sostanzialmente spinto “dall’urgenza” di questo avvenimento e sotto pressione anche della Commissione Europea.

In Francia esiste l’Arjel, autorità di controllo del mercato online, ed ha due linee specifiche da seguire: quella di contenere il gioco in tre diritture scommesse sportive, ippiche e poker e l’altra linea quella di rendere sostenibile economicamente il mercato del gioco legale, offrire sicurezza ai giocatori a mezzo di dati personali protetti e prodotti di gioco garantiti dallo Stato cercando di contenere i rischi di dipendenza.

Questi obbiettivi sono stati raggiunti e, quindi, questa è la “parte di soddisfazione”.

Il mercato online dei giochi non soddisfa completamente in quanto risulta meno competitivo di quanto, forse, si vorrebbe: sopratutto le scommesse sportive che sono in crescita, ma non in modo equilibrato ed il poker che è in caduta libera.

Il mercato è regolamentato in modo troppo stretto per garantirne uno sviluppo interessante, poiché l’assetto fiscale non è fondato sul margine degli operatori: la maggior parte dei partner europei hanno scelto una modalità di prelievo più conforme alle logiche economiche ma questi problemi toccano la legge ed il Legislatore.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
dicembre 25, 2015 by : • Nessun commento
Federico Novelli

More About

Caporedattore di Casinoliveitalia.com

View Posts - Visit Website

Comments are closed.