Governo Renzi: Via libera alla riforma dei giochi

Parola di Renzi: nel Documento di Economia e Finanza ci sono gli estremi per “raddrizzare” il gioco pubblico. Si deve solo vedere quale sia l’atteggiamento del nostro Premier nei confronti del gioco visto che pur essendo noto per la sua vena liberale appunto sul tema del gioco, in effetti ha lasciato intravedere uno spirito conservatore: durante il suo mandato come Sindaco di Firenze quando i suoi colleghi primi cittadini avviavano le note “crociate” contro il settore Renzi si è sempre guardato bene dall’esprimersi sulla materia.

Ma ancora una volta il Presidente del Consiglio è andato oltre le attese ed invece di pronunciare “parole sul gioco”, ha messo tutto nero su bianco, tracciando quello che sarebbe la prima vera riforma del gioco pubblico che transita dall’istituzione di un Testo Unico, al riordino della tassazione di tutti i segmenti che compongono il comparto. Il tutto è stato inviato all’Unione Europea, tra gli impegni che il nostro Governo si assume per mantenere il Bel Paese competitivo sopratutto all’interno dell’organo comunitario.

Renzi ha mantenuto, quindi, la parola data all’inizio e l’annunciata riforma dei giochi è stata inserita all’interno del Documento di Economia e Finanza 2014 che il Governo è chiamato a presentare alle Camere, con le conseguenti deliberazioni parlamentari, entro il 10 aprile di ciascun anno, al fine di consentire al Parlamento di esprimersi sugli obiettivi programmatici di politica economica in tempo utile per l’invio al Consiglio dell’Unione Europea ed alla Commissione Europea, entro il successivo 30 aprile, del Programma di Stabilità e del Programma Nazionale di Riforma: detto e fatto.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
aprile 28, 2014 by : • Nessun commento
Federico Novelli

More About

Caporedattore di Casinoliveitalia.com

View Posts - Visit Website

Comments are closed.