Italiani a Strasburgo: Gioco d’azzardo ed UE

Si deve trarre un risultato dalle elezioni che si sono appena concluse: arrivano, o restano, al Parlamento Europeo anche volti noti al settore del gioco pubblico e questo, ovviamente, in attesa che ci è stato eletto in più circoscrizioni decida quale scegliere, lasciando il posto, a Strasburgo, a chi risulta primo dei non eletti.

Si tratta di candidati che già hanno affrontato il gioco pubblico in modi diversi e che ora potrebbero andare ad incidere sulle diverse questioni che attanagliano il mondo del gioco: dalla protezione del consumatore sino ad arrivare ad una regolamentazione unica sul gioco online…. e sarebbe un gran bel passo avanti. Tra i più votati, con oltre 330mila preferenze personali, c’è Matteo Salvini che ha portato la Lega Nord al 6,16% ed anche questo è stato un gran bel risultato.

Come si sa la Lega ha sempre avuto a cuore il tema del gioco pubblico tanto da battersi sia sul gioco online che sulle “sanatorie per le maxi penali new slot” per i concessionari italiani portando diverse interrogazioni nella passata  legislazione europea. Arrivano altri “personaggi” in Europa: Remo Sernagiotto assessore ai Servizi Sociali ed alle Politiche Giovanili della Regione Veneto in prima linea per la prevenzione della dipendenza da gioco; Flavio Tosi, Sindaco di Verona che ha partecipato allo spot de Le Iene contro le slot machine ed anche Alessandra Mussolini che ha chiesto in varie occasioni di provvedere a disciplinare il settore dei videogiochi, classificando i prodotti secondo i livelli di tutela dei minori.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
giugno 8, 2014 by : • Nessun commento
Federico Novelli

More About

Caporedattore di Casinoliveitalia.com

View Posts - Visit Website

Comments are closed.